LETTERA DEL MESE DI LUGLIO - GOVERNATORE MASSIMO BALLOTTA a.r. 2019-2020

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Ballotta

Care amiche e cari amici,
il giorno è arrivato e non vi nascondo che anch’io provo la giusta ansia. È molto comune provarla prima di partire e penso sia comprensibile pensare che “sarà un viaggio impegnativo” e che avrò bisogno della collaborazione di tutti per poter continuare la tradizione del nostro Distretto. Per affrontare questa ansia d’avvio, è fondamentale innanzitutto averne la consapevolezza e capire quale sia l’aspetto del viaggio che più ti crea preoccupazione per cercare di ridurre gli imprevisti e
individuare la giusta terapia. Oltre alla soddisfazione per il traguardo raggiunto, oltre all’eccitazione e all’entusiasmo per l’inizio di una nuova avventura, non riesci a liberarti, però, da una netta sensazione di timore e insicurezza: non ho la valigia di Mary Poppins e quindi non potrò mettere “tutto ciò che potrebbe servire”, ma solo quello che chi mi ha preceduto ha saputo insegnarmi e trasmettermi e quanto sono riuscito a raccogliere in questi anni di formazione.
E qui mi viene in mente una piccola storia letta qualche tempo fa su di un libro: Un giorno un contadino, riposandosi sotto un’ombra al termine di una giornata sfiancante, si accorse di un bozzolo di una farfalla. Il bozzolo era completamente chiuso ad eccezione di un piccolo buchino sulla parte anteriore. Incuriosito, il contadino osservò attraverso il buchino, riuscendo ad intravedere la piccola farfalla che si dimenava con tutte le sue forze. Il contadino osservò a lungo gli sforzi eroici dell’elegante bestiolina, ma per quanto la farfalla si sforzasse per uscire dal bozzolo, i progressi apparivano minimi. Così, il contadino, impietosito dall’impegno della piccola farfalla, tirò fuori un coltellino da lavoro e delicatamente allargò il buco del bozzolo, finché la farfalla poté uscirne senza alcuno sforzo.
A questo punto accadde qualcosa di strano. La piccola farfalla, aiutata ad uscire dal bozzolo, non aveva sviluppato muscoli abbastanza forti per potersi librare in aria. Nonostante i ripetuti tentativi, la fragile farfalla rimase a terra e riuscì a trascinarsi solo a pochi centimetri dal bozzolo, incapace di fare ciò per cui la natura l’aveva fatta nascere.
Il contadino si accorse del grave errore fatto ed imparò una lezione che non dimenticò per il resto della sua vita: “Attraverso le difficoltà la natura ci rende più forti e degni di realizzare i nostri sogni.”
Questo semplice racconto mi fa capire che nessuno di noi potrà mai dirsi pronto per una azione, ci saranno sempre imprevisti e ostacoli che renderanno i nostri sforzi vani, come quelli della farfalla, ma le difficoltà che ci troveremo a dover affrontare, se lo faremo assieme, ci renderanno più forti e degnidi realizzare i nostri sogni.
 La forza di tutti noi, Insieme, è l’essenza del nostro essere rotariani: la capacità di un’organizzazione di 1,2 milioni di donne e uomini connessi tra loro, nel Rotary, con l’obiettivo di Fare del Bene nel Mondo. L’unicità che ci regala l’essere rotariani è che a prescindere dal nostro Paese di provenienza, dalle lingue
che parliamo, dalla nostra cultura e tradizioni, siamo tutti soci dei nostri club e membri della comunità che viviamo. In qualsiasi posto del mondo, in qualsiasi città o paese troveremo sempre un amico Rotariano in grado di tenderci la mano e pronto a farci superare ogni ostacolo.
Ecco perché questo pensiero mi aiuta a stemperare la giusta ansia della partenza, perché sono certo che in qualsiasi club dove andrò, troverò amici con cui connettere esperienze, idee e obiettivi e con i quali continuare ad agire per promuovere cambiamenti positivi e duraturi in tutte le comunità e anche in noi stessi.
Il nostro essere “Pronti ad Agire” inizia proprio dal convincimento e dall’orgoglio di essere Rotariani e dalla volontà di impegnarci, ognuno per i tempi ed i modi che gli sono permessi per produrre risultati positivi in termine di immagine e di servizio. Perciò guidati dal desiderio di fare squadra insieme e ispirati dalla capacità di agire con il giusto divertimento, il nostro entusiasmo ci regalerà gli obiettivi che vorremo raggiungere. Nessuno di noi nel Rotary è un’isola, ma tutti Insieme e Pronti ad Agire saremo in grado di connetterci ... per un entusiasmante anno rotariano per noi e le nostre famiglie.
Una stretta di mano e viva il Rotary
Massimo

Sede del Club

La segreteria del Rotary Club Treviso si trova in Largo di Porta Altinia 22-23 (Tv), è aperta nei seguenti orari: MARTEDI’ 16.00 – 19.00 - GIOVEDI' 16.00 – 19.00 Per informazioni:  rotarytreviso@libero.it

Utilizziamo i cookie per offrirVi un sito web innovativo ed entusiasmante. Utilizzando il nostro sito web e accedendo ai contenuti presenti in esso, si accetta che vengano trasmessi cookie sul Vostro dispositivo